© Africanphotos Email: info@africanphotos.it
paesaggio da safari natura e bellezza scopri tutti i nostri safari tramonti e molto altro safari popoli safari aerei wildlife safari africa

Organizzare il viaggio

- Moneta e valuta -

moneta-kenya

In Kenya l’unità valutaria è lo Scellino Kenyota, diviso in 100 centesimi. Un euro vale circa 130 Scellini. Euro e Dollari americani sono accettati ovunque. Attenzione solo alle banconote in Dollari emesse prima del 2006 che non vengono accettate dalle banche e dai locali pubblici.

In Tanzania l’unita valutaria è lo Scellino, diviso in 100 centesimi, un euro vale circa 2.300 Scellini. L’Euro è accettato un po’ ovunque. Le carte di credito accettate sono Visa e MasterCard non elettroniche. E’ possibile effettuare prelevamento di valuta locale in contanti con carta di credito Visa, ma solo nelle città.

In Uganda ha corso legale lo Scellino Ugandese, un euro vale circa 2.741,63 Scellini. Consigliamo di premunirsi di Dollari Usa, accettati più frequentemente. In Uganda non esistono restrizioni valutarie. L’uso di carte di credito non è ancora molto diffuso.
Consigliamo di effettuare cambi di piccole somme essendo impossibile o molto penalizzante riconvertite la valuta locale in euro.

- Telefono -

safaricom

Da giugno 2010 per acquistare e registrare una propria sim card keniota o tanzaniana ( Safaricom, Zain o Orange ) bisogna presentare un documento d’identità (così come avviene in Italia). E’ comunque possibile acquistare sim card locali per pochi euro (con scadenza annuale) per chiamare e mandare messaggi in Italia. Non utilizzare sim italiane perchè i costi sono esorbitanti sia che si chiama che si riceve una telefonata. Sia per chiamare l’Italia dal Kenya che dalla Tanzania è necessario comporre il prefisso internazionale 0039 + prefisso della città con lo 0 + numero dell’abbonato.

- Vaccinazioni, consigli medici -

medicine

1)  Vaccinazioni:

Febbre gialla (obbligatoria solo per la Tanzania e l’Uganda);  Antitetanica e Antitifica (consigliata); Epatite A (consigliata); Profilassi contro la malaria (Malarone, Lariam o prodotti omeopatici) (consigliata). Prima di partire per il safari è opportuno recarsi dal proprio medico curante per farsi consigliare il tipo di profilassi più adatto.

2) Medicine consigliate in base ad esigenze personali:

Sanipirina (per febbre e dolori); antistaminici (per allergie Kestine, Zirtec);  repellenti antizanzare; creme solari ad alta protezione;  cortisonici per soggetti allergici; fermenti lattici (da prendere prima, durante e dopo il viaggio); gel igiene mani; disinfettanti (amuchina, betadine);

Nel caso vi venisse la febbre dopo una settimana o più dall’arrivo in Africa,acquistate il kit combinato (due medicine tra cui il Coartem, con anche l’eventuale richiamo, due pastiglie da prendere una e due settimane dopo la fine della cura) con il test da fare a casa.

- Fuso orario -

Bisogna calcolare due ore in più rispetto all’Italia con l’ora solare, una con l’ora legale (sia per il Kenya che Tanzania).

 

- Lingua -

La lingua ufficiale è lo Ki-swahili; molto diffuso è l’inglese; l’italiano è parlato solo nelle zone turistiche.

La lingua swahili o, per meglio dire, il kiswahili, è una delle dodici lingue più importanti del mondo; è infatti parlata da 50 o 60 milioni di persone ed è diffusa sulla costa dell’Africa orientale dalla Somalia fin quasi al Mozambico e all’interno si estende fino allo Zaire. E’ lingua ufficiale in Kenya, Tanzania e Uganda; è lingua nazionale in Kenya e Tanzania. Il kiswahili nacque all’incirca 15 secoli fa come lingua di comunicazione fra gli abitanti della costa orientale africana e i mercanti di origine araba. Il termine swahili viene dalla parola araba sahil che significa “costa”. I Waswahili sono difatti gli abitanti della costa e il kiswahili è la lingua che essi parlano.

 

- Mance -

La mancia, sebbene non obbligatoria, è considerata consuetudine, nel caso di un buon servizio, per la guida/autista di un safari (Consigliati circa € 4 al giorno a persona).

 

- Corrente elettrica -

La corrente elettrica è di 220/230 Volts. È necessario procurarsi un adattatore, possibilmente universale, in quanto le prese di corrente sono di tipo inglese a 3 fori, generalmente a lamelle piatte. Rasoi ed apparecchi elettrici dovranno essere a voltaggio universale meglio se funzionanti a batteria.

 

- Parchi Nazionali Tanzania - 

Il ruolo principale dei parchi nazionali della Tanzania è la tutela dell’ambiente. I 14 parchi nazionali, molti dei quali formano il cuore di un ecosistema protetto ancora più grande, sono stati creati per conservare il ricco patrimonio naturale della Tanzania e per creare zone riproduttive sicure dove la fauna e la flora possano prosperare al riparo degli interessi contrastanti di una popolazione umana crescente.

Il sistema attuale dei parchi protegge un gran numero di bastioni di biodiversità internazionalmente riconosciuti e siti del patrimonio mondiale, un modo per controbilanciare i danni ambientali in quelle zone del paese affette da deforestazione, agricoltura e urbanizzazione. Nel 2002, con l’ufficializzazione dei parchi nazionali di Saadani e Kitulo il network dei parchi si è esteso fino ad includere habitat di montagna e costieri che in precedenza godevano in minore protezione. L’istituto dei parchi nazionali della Tanzania (TANAPA) sta anche acquistando altri appezzamenti per estendere alcuni parchi e per migliorare la protezione dei corridoi migrazionali che connettono le aree protette.

 

- Abbigliamento consigliato -

clima-kenya

Il clima, molto caldo e umido nelle regioni costiere, diventa più mite e asciutto nel cuore del Paese, in rapporto all’altitudine. Le piogge sono concentrate in due periodi dell’anno: da aprile a maggio le grandi piogge, mentre da ottobre a dicembre le piogge sono intense ma brevi. Il Kenya è quindi un paese con temperature costanti tutto l’anno, con giornate calde e notti fresche sugli altipiani (Nairobi). Lungo la costa, tuttavia, le brezze costanti portano notevole conforto.

Cosa portare? 

- scarpe da trekking

- qualche paio di pantaloni

- T-shirt

- un maglione per la sera

- giacca leggera impermeabile

- un cappello per coprirsi dal sole

- salviette

- burro cacao

*Prediligere colori chiari per l’abbigliamento, in quanto gli insetti non ne sono attratti.

*Il bagaglio deve essere ridotto per i safari (massimo 15 kg) ed è richiesto l’uso di borsoni morbidi.

- Attrezzatura fotografica -

attrezzi-fotografici

- due corpi reflex - tre ottiche (un grandangolo, uno zoom che copra i 80-200mm e un tele dai 300 in su) -moltiplicatori di focale- flash - il treppiede o monopiede non sono indispensabili - schede di memoria SDS o Compact flash per un rapido immagazzinamento file – batterie di riserva- hard disk esterno – computer.

- Quote partecipazione -

La quota comprende:

- Pernottamenti con pensione completa in lodge o campo tendato di confort

- Noleggio fuoristrada 4×4 a chilometraggio illimitato

- Driver locale

- Ingresso ai parchi

La quota non comprende:

- Supplemento camera singola

- Volo A/R-

- Tasse aeroportuali

- Extra e mance in genere

- Bevande negli alberghi ed extra in genere

- Visite ad eventuali villaggi di popolazioni

- Tutto quanto non indicato a la quota comprende